NEWS
Fattura elettronica per i fornitori del Comune

Dal 31 marzo 2015 tutte le imprese che lavorano con la Pubblica Amministrazione devono utilizzare la fatturazione elettronica.

Non sono previste esclusioni,  pertanto il Comune di Triuggio non potrà più accettare fatture,  emesse con data successiva al 31/03/15,  in formato cartaceo. Dal 31/03/15 al 30/06/15 potrano ancora essere pagate fatture cartacee emesse prima della fine del mese di marzo, anche se formalmente ricevute dopo tale data.

La fattura deve essere creata in formato XML, secondo le specifiche tecniche pubblicate sul sito del Sistema di Interscambio www.fattura.gov.it nella sezione Documentazione Fattura PA.

L'autenticità dell'origine e l'integrità del contenuto sono garantite tramite l'apposizione della firma elettronica qualificata di chi emette la fattura.

Contenuto:
- Informazioni rilevanti ai fini fiscali;

- Il codice identificativo univoco degli uffici destinatari della fattura che è diverso a seconda del Settore che ha ordinato la fornitura:

Codice Univoco ufficio:    CMTXXB
Nome dell'ufficio:             Settore Economico Finanziario

Codice Univoco ufficio:     GPFQ57
Nome dell'ufficio:              Settore Gestione del Territorio

Codice Univoco ufficio:     T03NYR
Nome dell'ufficio:              Settore Socioeducativo

Codice Univoco ufficio:     69SKKV
Nome dell'ufficio:              Settore Amm.vo e della  Comunicazione

Codice Univoco ufficio:      MR3GRM
Nome dell'ufficio:               Settore Polizia Locale

- Il CIG (salvo i casi di esclusione dall'obbligo di tracciabilità dei flussi finanziari riferiti a tipologie non qualificabili come contratti di appalto);

- Il CUP se riferito ad opere pubbliche, interventi di manutenzione straordinaria, interventi finanziati da contributi comunitari e ogni progetto di investimento nei casi previsti dall'art.11 L. n. 3/03;

- Ulteriori informazioni inserite a seguito di accordi fra le parti o per esigenze dell'ente (n. determina, estremi impegno di spesa, dati pagamento, ecc.).

Il sistema di interscambio non può respingere una fattura che non presenti il CIG o il CUP.

Il Comune può respingere una fattura che non riporti tutte le informazioni previste dal contratto.
stampaSTAMPA